MEET THE BLOGGER: Vi presento Ilaria di Mivado

La protagonista dell’intervista di oggi è Ilaria, creatrice del travel blog Mivado nel quale racconta le sue avventure in giro per il mondo dando però molto spazio anche al lifestyle e alla buona cucina.

Visto che Ilaria è originaria del Veneto, ma si è trasferita a Milano per lavoro, nel suo blog trovate anche un’ampia sezione sui luoghi dove mangiare e bere ( e lei se ne intende davvero) nel capoluogo lombardo.

Correte a dare un occhio, ma prima godetevi questa chiacchierata in tema musicale.

INTERVISTA

Durante i tuoi viaggi on the road ti piace ascoltare musica? Solitamente preferisci la radio o crei una playlist da viaggio?

Adoro i viaggi on the road! E amo fare la deejay (e la cantante stonata) non solo quando guido io ma anche quando guidano gli altri.

Quindi prima di partire creo sempre una playlist dedicata su spotify, ad esempio l’estate scorsa avevo la playlist Mivado al mare, con tutte canzoni estive da cantare in macchina in giro per la Sardegna.

mivado

Come saprai, a me piace abbinare ad ogni luogo una canzone… ora tocca a te! Recentemente sei stata in Marocco. Dimmi una canzone che associ a questo posto e perché.

La canzone del Marocco… ok non vi mettete a ridere ma questa è la canzone che mi ha accompagnato per la vacanza e che ho in mente quando penso a questo viaggio.

La canzone è Turn me on (feat. Vula) di Riton e Oliver Heldens, una “tamarrata” come direbbero alcuni, però vi giuro che mi ricorda il Marocco perché  la mettevano spesso i tassisti marocchini giovani in giro per la città, giovani che nonostante la loro cultura cercavano di modernizzarsi con canzoni occidentali, discutibili a volte.

Però questo paradosso, questa “tamarrata” è stata il simbolo dance della vacanza, e ora ogni volta che l’ascolto ballo scatenata.

Se dovessi scegliere la colonna sonora della tua vita, quale sarebbe?

Assolutamente What a feeling di Flashdance, perché è ritmo, armonia, energia, passione, tutte parole che identificano la DANZA, una passione che mi ha accompagnato per tutta la mia vita.

mivado

Qual è il tuo genere musicale preferito? E quale città al mondo potrebbe rappresentare questo genere?

In questo momento della mia vita amo due generi, che si sovrappongono a volte ma che mi danno due emozioni diverse: la musica elettronica con artisti come Apparat, Ellen Allien rappresentati probabilmente da una città tedesca come Berlino o i tanto amati Daft Punk e CHemical Brothers che mi ricordano Londra.

L’altro genere del momento è la musica Indie che associo a città come Milano, la città dove vivo che sto amando e odiando al tempo stesso, ma è dove voglio essere in questo momento.

Quali saranno i tuoi prossimi viaggi del 2020?

Ne avevo un paio in programma in questi mesi (Giordania e Napoli) ma vista la situazione sono tutti annullati. Si vede che era destino. Quindi mi rifarò non appena passa questo periodo di reclusione.

Avrei in mente di tornare in Spagna a Siviglia, di andare in Giordania se riesco, di farmi la Provenza a luglio e godermi lo spettacolo dei campi di lavanda, di andare in Costarica o in Namibia (uno dei sogni della mia vita).

Ma in realtà sto sempre più pensando di rimanere in Italia per quanto possibile perché dopo questo periodo critico l’Italia avrà bisogno di noi più che mai. Potrei quindi prendere la macchina e andare in Toscana, o andare in Sicilia e sfondarmi di cannoli e arancini.

Chi lo sa, vedremo, seguitemi su Mivado!

Grazie ragazzi per l’intervista:)

Se volete scoprire di più sui viaggi di Ilaria, seguite la seconda parte dell’intervista sul blog Tus Operator

SOUNDTRACK: WHAT A FEELING – IRENE CARA

mivado