LAPPONIA SVEDESE LOW COST: COME ORGANIZZARE IL VIAGGIO

Organizzare un viaggio low cost in Lapponia svedese in inverno, magari per vedere l’aurora boreale, è possibile ? O bisogna per forza vendersi un rene?

Si sa, i paesi scandinavi non sono di certo a buon mercato, se poi ci mettiamo che il periodo invernale è ancora più oneroso perché si apre la caccia all’aurora, se ne deduce che questo è un viaggio non proprio alla portata di tutti.

Tuttavia uno dei miei sogni è sempre stato quello di trascorrere qualche giorno delle vacanze natalizie nelle fredde terre del nord e così lo scorso anno ho iniziato a documentarmi sulle possibili mete meno costose della Lapponia e su quali accorgimenti adottare per realizzare il mio desiderio senza dissanguare il portafogli.

La scelta è ricaduta sulla Lapponia svedese, in particolare il territorio circostante la città di Kiruna fino ad Abisko (che si trova quasi al confine norvegese), un centinaio di km al di sopra del circolo polare artico.

Una zona selvaggia, con paesaggi mozzafiato e ancora poco battuta dal turismo di massa.

Non voglio promettervi che spenderete pochissimo, ma sicuramente seguendo questi consigli, i costi saranno più contenuti rispetto ad altre mete più blasonate.

KIRUNA E ABISKO

Kiruna è la città più grande della Lapponia svedese, ma percorrendola a piedi oppure in auto, non sembrerebbe proprio abitata da circa 23000 persone. Fornita di tutto (persino di un ristorante thailandese) da’ l’impressione di essere per lo più una città base per gli operai dell’enorme miniera di ferro, la più grande del mondo,  presente a pochi km dal centro.

Il giacimento mineraria sta causando una seria deformazione del sottosuolo, tant’è che il governo svedese si è mobilitato per mettere a punto un vero e proprio piano di spostamento della città al fine di “traslocarla” di circa 3 km. Alcuni edifici come il municipio sono già stati ricollocati in altra zona sicura e stesso destino toccherà alla bellissima ed imponente chiesa dall’aspetto neogotico risalente al 1912, uno dei più grandi edifici in legno in Svezia.

Kiruna la inserisco di diritto tra le città più assurde e al tempo stesso più silenziose mai visitate, ma a parte la chiesa e il museo della miniera  non c’è molto da visitare. Utilizzatela come base e poi andate ad esplorare il territorio circostante da KurravaaraJukkasjarvi (dove ha sede il primo e più grande hotel di ghiaccio del mondo) spingendovi fino ad Abisko.

Abisko è un piccolo villaggio quasi al confine con la Norvegia, situato nell’omonimo parco nazionale, considerato il luogo migliore per osservare l’aurora boreale, grazie alla sua posizione strategica. Circondate da montagne e bagnato dal lago Tornetrask, questa zona pare sia sgombra dalle nuvole per circa 200 giorni l’anno.

Ad Abisko si trova l’Aurora Sky Station, un osservatorio a 1000 mt di altitudine raggiungibile tramite seggiovia, che ospita un bar, un ristorante ed un piccola mostra sul fenomeno atmosferico più fotografato di sempre.

COME ARRIVARE IN LAPPONIA SVEDESE

Innanzitutto scegliete come meta iniziale del vostro viaggio la capitale svedese: Stoccolma. Deciderete poi se dedicare alla visita della città l’inizio del vostro viaggio oppure la fine.

Potete tranquillamente raggiungere Stoccolma con un volo low cost Ryanair atterrando all’aeroporto di Skavsta, distante all’incirca un centinaio di km dalla capitale.

Non preoccupatevi se il vostro volo arriverà in tarda serata… in questo caso alloggiate la prima notte al Connect Hotel Skavsta (camere doppie quick sleep a 51 euro) appena fuori dall’aeroporto, e la mattina seguente prendete il bus Flygbussarna per il centro città (costo 15 euro a persona -fermata appena fuori l’hotel).

Naturalmente arrivare a Stoccolma non basta poiché dovete raggiungere l’estremo nord e qui si prospettano due soluzioni: quella più costosa, ossia il classico volo dallo scalo di Arlanda con destinazione Kiruna, oppure la versione low cost, cioè prendere un treno notturno.

In quest’ultimo caso si parte dalla stazione centrale di Stoccolma (Stockholm Central) la sera intorno alle 18 e si arriva verso le 9 della mattina seguente alla stazione di Kiruna spendendo poco più di 80 euro a tratta (carrozza normale con 6 posti letto).

I treni SJ sono comodi, puliti, muniti di vagone ristorante e offrono diverse soluzioni per dormire: ovviamente i prezzi sono commisurati alla tipologia di sistemazione scelta, ma garantisco che anche quella basic è piuttosto confortevole. Inoltre scegliendo di arrivare in Lapponia con il treno, avrete pure risparmiato una notte in hotel.

DOVE DORMIRE IN LAPPONIA SVEDESE

Kiruna e dintorni offrono sistemazioni per tutti i budget:  hotel, appartamenti, camere in affitto oppure piccoli resort. Ovviamente vanno prenotati con un po’ di anticipo, perché le strutture sono in numero limitato.

La mia scelta è ricaduta sull’Aurora Camp di Kurravaara, isolato nella foresta e sulle sponde del fiume Torne, ma al tempo stesso a pochi km da quella che sarà la vostra base per tutte le vostre esigenze, ossia il centro di Kiruna.

All’Aurora Camp potete soggiornare in chalet privati oppure, se puntate al risparmio, avete la possibilità di optare per cottage dotati di camere private con soggiorno, cucina e bagno in condivisione con gli altri occupanti.

I prezzi del resort sono decisamente accessibili rispetto ad altre strutture della zona ( nel periodo di Dicembre una camera con due letti nello chalet condiviso si aggira sui 90 euro a notte) e i servizi offerti sono ottimi.

Tra questi la possibilità di consumare direttamente in loco delle cene preparate dai gestori a base di carne di renna (da pagare a parte) oppure il servizio prenotazioni per le escursioni giornaliere.

Sicuramente un punto di forza dell’Aurora Camp è che essendo lontani dalle luci del centro città, avrete più possibilità di godere del fenomeno dell’aurora appena fuori dal vostro alloggio, ed anche qualora questa non apparisse, vi potrete sempre “consolare “con il bellissimo paesaggio circostante.

Vi assicuro che lo spettacolo della luna che illumina il fiume ghiacciato e la foresta innevata visto dalla finestra della vostra camera è qualcosa di unico.

COME MUOVERSI

Su questo punto sono piuttosto intransigente: vi servirà un’ auto perché qui di alternative non c’è ne sono molte per spostarsi. I taxi sono davvero pochi e molto cari ed anche muoversi con i mezzi pubblici è piuttosto difficoltoso.

Prenotate la vostra auto prima di partire consultando vari siti di noleggio (io avevo trovato una buona offerta su Rentals car) e scegliete la soluzione più conveniente impostando come ritiro e riconsegna la città di Kiruna o l’aeroporto (se arrivate/partite in aereo).

Unica accortezza: controllate che compreso nel prezzo ci siano in dotazione i pneumatici invernali.

Avere un’auto a vostra disposizione vi permetterà di raggiungere il vostro alloggio ed i vari punti di interesse con estrema facilità, inoltre vi garantirà un buon riparo dal freddo estremo durante i vostri spostamenti.

Le strade nonostante la neve ed il gelo sono in ottimo stato, quindi la guida risulta piacevole e per niente pericolosa, ma fate attenzione alle renne o alle alci che potrete incontrare lungo il tragitto.

QUALI ESCURSIONI ACQUISTARE

Le attività che si possono fare in Lapponia svedese sono molteplici, ma se il vostro budget è limitato dovrete obbligatoriamente fare una scelta visto il costo elevato di ogni escursione ( solitamente il prezzo comprende anche il noleggio di abbigliamento tecnico).

Fra le escursioni più gettonate: il percorso con la slitta trascinata dai cani, la gita con la motoslitta e le uscite notturne a caccia dell’aurora boreale.

Considerata la mia titubanza per la motoslitta ed essendo decisa ad affrontare la ricerca dell’aurora in autonomia, ho optato per trascorrere qualche ora a bordo della dogsleeding, spinta anche dalla ricerca del contatto con gli animali.

L’esperienza ha pienamente soddisfatto le mie aspettative : se volete scoprire di più su questa attività e su altre cose da fare in lapponia svedese leggete il mio articolo –> 5 COSE DA FARE IN LAPPONIA SVEDESE

LE ESCURSIONI VANNO PRENOTATE IN ANTICIPO?

Personalmente ho effettuato le scelta di prenotare le escursioni una volta arrivata sul posto per valutarle meglio e decidere anche in base alle condizioni meteo.

Per l’organizzazione mi sono affidata all’agenzia Kiruna Guidetur che ha sede in centro città a Kiruna.

L’unica cosa da riservare obbligatoriamente con largo anticipo è la salita con la funivia all’osservatorio di Abisko, aperto in inverno dalle 21.00 all’1.00.

I posti  per salire la sera all’Aurora Sky Station sono limitati ed è possibile prenotare due pacchetti: uno comprende solo la seggiovia (80 euro), mentre quello più costoso include la cena al ristorante.

COME VESTIRSI IN LAPPONIA

Se si parla di costi, anche l’abbigliamento per affrontare il rigido inverno lappone, è una nota dolente che può incidere pesantemente sul budget del viaggio.

Giacca, scarponi, berrette, intimo termico, calzini pesanti, attrezzatura per salvaguardare gli apparecchi telefonici: tutto pensato per proteggervi da temperature che possono arrivare anche a meno trenta gradi sottozero.

Se volete i miei consigli su come vestirsi low cost e cosa portare in valigia, leggete il mio articolo interamente dedicato all’argomento –> COME VESTIRSI LOW COST IN LAPPONIA SVEDESE

DOVE MANGIARE

Il vantaggio di soggiornare in uno chalet dotato di cucina in un camp è dato anche dalla possibilità di cenare direttamente nel vostro alloggio, cucinando qualcosa che vi siete comprati al supermercato. Altrimenti dovete appoggiarvi ai ristoranti della zona, una decina e tutti concentrati a Kiruna.

Tra i migliori c’è Spis Hotel & Hostel che offre un servizio cucina eccellente aperto a tutti: i prezzi qui sono piuttosto sopra la media, ma la qualità è davvero ottima! Se decidete di trascorrere le vacanze di Natale in zona, occhio che questo è l’unico ristorante aperto il giorno di Natale.

Vivamente consigliata anche la pausa pranzo al Villaggio Sami di Jukkasjarvi, dove ho degustato all’interno di una tipica tenda lappone una buonissima zuppa di salmone cucinata sul focolare davanti ai miei occhi!

IN CONCLUSIONE

Visitare questa terra magica e vivere appieno le sue esperienze è possibile con qualche accorgimento e soprattutto senza privarsi di nulla.

La Lapponia svedese mi ha regalato paesaggi da cartolina, un silenzio surreale, una sensazione di calma e di pace mai provate prima, tuttavia mi è mancata un’emozione… (se vi state chiedendo quale oppure il perché leggete –>> NON E’ IL SOLITO ARTICOLO SULL’AURORA BOREALE)

Nonostante ciò le altre che ho vissuto non sono state da meno…semplicemente è il modo che ha scelto questa terra per non dirmi “addio” ma “arrivederci”.

 

 

 

 

 

 

Comments

  1. Valentina Rispondi

    Amo la Lapponia, i suoi paesaggi, la sua natura e anche il suo freddo 😂 che ho sopportato molto meglio del freddo milanese! In Svezia non sono mai stata e ti ringrazio per questi consigli low cost, spero di organizzare presto! Il treno notturno è un must per risparmiare

  2. anna Rispondi

    Che magia e che sogno sarebbe andarci! Ammetto che le ragioni che fino ad ora mi hanno frenato sono il costo ed il freddo glaciale – non è facile essere preparati al freddo e davvero bisogna avere il guardaroba giusto. Comunque anche nei altri articoli hai dato davvero dei consigli spettacolari!!!!

    • Nicoletta Rispondi

      Grazie Anna! Anche io ero frenata da queste due cose ma per fortuna che qui ci si può arrivare in treno risparmiando un sacco!

  3. Fabio Rispondi

    Peccato… io il reno lo avrei anche speso! Ahahah! Scherzi a parte, mi incuriosisce un sacco come meta! Tutto quel bianco… wow!

  4. Marilu Rispondi

    Mi ricordavo di aver letto l’artico in cui ti sentivi ‘frustrata’ per non essere riuscita a goderti lo spettacolo che è un sogno di molti noi viaggiatori : l’Aurora Boreale, son sicura che ci riuscirai un giorno. Mi piace moltissimo il tuo modo di scrivere Bravissima Nicoletta

    • Nicoletta Rispondi

      Grazie Marilù! Spero davvero di tornarci un giorno per vivere quella magia…

  5. Viola Rispondi

    Wow! Quanto mi piacerebbe fare un viaggio simile! Con l’occasione do una letta anche all’articolo sull’abbigliamento per farmi un’idea 🙂

  6. Anna Rispondi

    Wow, i paesaggi che hai visto sono davvero stupendi! Molto interessante sapere che si può fare la Lapponia anche low cost, noi essendo in quattro abbiamo sempre un’occhio di riguardo per i prezzi!

    • Nicoletta Rispondi

      assolutamente fattibile seguendo piccoli accorgimenti!

  7. Cecile Rispondi

    Un sogno poterci andare! Ci siamo salvati l’articolo perché volevamo organizzarla prima o poi. E tutte le svolte low-cost sono ben accolte. Grazie!

    • Nicoletta Rispondi

      Ragazzi dovete assolutamente andarci prima o poi! E con qualche piccolo trucco si spende meno rispetto ad altre zone più inflazionate

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

shares