TRAVEL BLOG

SARDEGNA| Cosa vedere a Carloforte e cosa fare sull’Isola di San Pietro

SARDEGNA| Cosa vedere a Carloforte e cosa fare sull’Isola di San Pietro

IMG_4767

Mai avrei pensato che un soggiorno di pochi giorni potesse restituirmi tanto: già perché assaporare Carloforte significa, oltre ammirare le bellezze del territorio, indagare l’anima di un’isola e di una comunità davvero particolari dai quali cogliere tanti spunti di riflessione.

Carloforte, unico borgo situato sull’Isola di San Pietro, nella penisola del Sulcis, ha tanto da raccontare: un passato importante che affonda le proprie radici in Liguria, passando per la Tunisia, fino ad approdare appunto nella parte sud occidentale della Sardegna.

Un territorio ricco di cose da vedere e da fare, dove ogni aspetto della vita quotidiana è permeato da antiche tradizioni che ben rispecchiano il mix di culture che ha dato origine alla orgogliosa ed accogliente popolazione carlofortina.

In questo articolo voglio guidarti alla scoperta di Carloforte, inserito meritatamente tra i borghi più belli d’Italia, e delle bellezze naturalistiche dell’isola che lo ospita.

cosa vedere a Carloforte

Storia di Carloforte: perché a Carloforte si parla genovese

Se hai già sentito parlare di Carloforte prima d’ora probabilmente saprai che qui le tradizioni sarde vengono un po’ messe da parte per lasciar spazio ad altre influenze culturali.

Carloforte fu infatti fondata nel 1738 da coloni liguri originari di Pegli, provenienti da Tabarka, un’isola tunisina sul quale si erano insediati anni prima per pescare e commerciare il pregiato corallo rosso, presente in grande quantità nelle acque circostanti.

I coloni, in cerca di nuove terre per sfuggire alle incursioni piratesche e ai tumulti derivanti dalla presenza francese in territorio tunisino, ricevettero il permesso di insediarsi sull’Isola di San Pietro dal re Carlo Emanuele III di Savoia, dedicandosi alla pesca e diventando un’importante scalo commerciale dei minerali estratti dal vicino Sulcis.

Nel tempo Carloforte, denominata così proprio in onore del re Carlo, ha saputo mantenere la sua identità ligure, conservando tradizioni, cucina, lingua ed architettura, tanto che visitandola, a tratti ti scorderai di essere in terra sarda.

Per amor di precisione qui il dialetto parlato non è propriamente il genovese, ma il tabarchino, ereditato dalla permanenza dei primi coloni in Tunisia. Un’influenza quella nordafricana che si riflette anche sulla variegata gastronomia locale.

Come si raggiunge Carloforte: arrivare da Cagliari

L’aeroporto più vicino all’Isola di San Pietro è quello di Cagliari. Per arrivare a Carloforte, è necessario poi prendere il traghetto gestito dalla compagnia Delcomar.

Arrivando da Cagliari, le opzioni di partenza sono due:

  • si può partire dal porto di Calasetta, situato sull’isola di Sant’Antioco, a circa un’ora e mezza da Cagliari : traversata di 30 minuti circa – servizio diurno e notturno;
  • dal porto di Portovesme, che dista circa un’ora da Cagliari: traversata di 40 minuti circa – servizio solo diurno.

Il traghetto consente di imbarcare auto e moto e, visto che il modo migliore per muoversi sull’isola è avere un mezzo autonomo come l’auto, ti consiglio di noleggiarne una al tuo arrivo a Cagliari.

cosa vedere a Carloforte
Arrivo del traghetto a Carloforte

Cosa vedere a Carloforte e le attività da fare

Ogni angolo di Carloforte offre un pezzo del suo affascinante mosaico storico e culturale, rendendo la tua visita un’esperienza che sicuramente ti rimarrà nel cuore.

In questo articolo voglio riassumerti le cose da vedere e da fare a Carloforte per non perderti le principali attrazioni che questa affascinante isola ha da offrire.

Visitare l’unica tonnara attiva del Mediterraneo: cosa vedere a Carloforte

Tra le cose da non perdere a Carloforte c’è la sua storica tonnara, che anticamente fu addirittura uno dei primi insediamenti dell’isola, di cui ancora oggi rimangono delle testimonianze, come la piccola chiesa ed il forno realizzati vicino ad una importante fonte d’acqua.

Gestita da una famiglia di origine ligure, è l’unica tonnara ancora attiva del Mediterraneo, nonché importante centro di pesca e lavorazione del pregiato tonno rosso, esportato persino sul mercato giapponese.

Per conoscere la sua storia, apprendere come si è evoluta la tecnica di pesca e vedere dal vivo la parte operativa della tonnara, non ti resta che prenotare una visita guidata all’ufficio del turismo di Carloforte.

Alla termine della visita passa dallo shop per portarti a casa queste delizie conservate nelle iconiche scatolette di tonno della Tonnara di Carloforte.

cosa vedere a Carloforte
Il tonno di Carloforte
Cortile della tonnara

Fare un trekking naturalistico: la piscina naturale di Nasca ed altri percorsi

La zona naturalistica di Nasca è un gioiello incontaminato che non può che incantare gli amanti della natura. Questa area è caratterizzata da una sorprendente varietà di flora e fauna, che prosperano in un ambiente protetto.

I sentieri che attraversano la zona di Nasca offrono percorsi di trekking immersi in una macchia mediterranea profumata, con cespugli di mirto, lentisco e ginepro che accompagnano i visitatori fino a punti panoramici da cui si possono ammirare viste indimenticabili.

Tra le cose da non perdere ti segnalo la piscina naturale di Nasca e le particolari formazioni geologiche che caratterizzano l’area e che testimoniano le origini vulcaniche dell’isola, da scoprire preferibilmente con una guida naturalistica che saprà valorizzare tutte le risorse di questo posto.

Questa zona è anche un rifugio per numerose specie di uccelli migratori, rendendola una meta privilegiata per il birdwatching. Tra le specie osservabili ci sono il falco della regina ed il gabbiano corso.

Nasca non è però l’unico percorso naturalistico che il territorio offre: ci sono tante passeggiate che puoi fare, come quella semplice ed adatti a tutti che porta allo spettacolare scorcio delle Colonne di Carloforte.

cosa vedere a Carloforte
Piscina naturale di Nasca
Formazioni geologiche
Le Colonne

Passeggiare nel centro storico di Carloforte

Il centro di Carloforte e il lungomare su Corso Battellieri richiamano subito alla mente le località di mare presenti sul litorale ligure.

I colori delle facciate, lo stile, le palme, i vicoli (anche qui denominati caruggi) sono lo specchio di quel glorioso passato che qui ritorna in modo così prepotente ad ogni angolo.

Tra le cose da vedere nel centro di Carloforte ci sono:

  • la Chiesa della Madonna dello Schiavo : questa chiesa conserva un’antica polena a cui gli abitanti sono particolarmente devoti, perché il suo ritrovamento è correlato alla liberazione dalla schiavitù degli antenati tabarchini in Tunisia;
  • Piazza Pegli : la sede del mercato cittadino (tutti i mercoledì)
  • Piazza della Repubblica: il luogo dove gli abitanti si ritrovano seduti sui baruffi, le caratteristiche panchine circolari, all’ombra dei centenari ficus
  • il monumento a Carlo Emanuele III di Savoia che si erge sul lungomare, di fronte al porto
  • la Chiesa di San Carlo Borromeo
  • il cineteatro Cavallera
Corso Tagliafico e Chiesa di San Carlo Borromeo
cosa vedere a Carloforte
Piazza della Repubblica

Vedere il tramonto da Capo Sandalo: il faro dell’Isola di San Pietro

Il punto più occidentale dell’Isola di San Pietro è il luogo ideale per ammirare uno splendido tramonto.

Un’imponente scogliera a strapiombo sul mare azzurro, sovrastata da quello che è il faro posizionato più ad ovest d’Italia, caratterizza il promontorio di Capo Sandalo.

Qui puoi passeggiare nei dintorni del faro, oramai abbandonato, e sederti nei pressi delle scogliere per goderti il panorama e lo spettacolo del sole che cala in acqua all’orizzonte.

Il tramonto da Capo Sandalo

Esplorare le migliori spiagge di Carloforte: dove fare il bagno

Carloforte vanta alcune delle spiagge più incantevoli della Sardegna, rinomate per la loro bellezza naturale e le acque cristalline.

Ecco una panoramica delle migliori spiagge di Carloforte che ti consiglio di visitare durante la tua permanenza sull’Isola di San Pietro:

Spiaggia La Bobba

La Bobba è una delle spiagge più amate di Carloforte, grazie alla sua sabbia bianca e fine e alle acque turchesi e poco profonde, ideali per le famiglie con bambini. La spiaggia è facilmente accessibile e offre servizi come parcheggio e punti di ristoro, rendendola una scelta comoda per una giornata di relax al mare.

Spiaggia del Lucaise

Questa baia si distingue per la sua vicinanza al cosiddetto geyser fossile, una singolare cavità circolare dai bordi rialzati, attraversata da vene di calcedonio bianco, nei dintorni del quale è possibile farsi dei bagni di fango quando le condizioni del fondo lo permettono.

Il mare che bagna questa caletta è cristallino e trasparente, offrendo condizioni ideali per gli appassionati di immersioni subacquee e snorkeling. Per raggiungere questo angolo selvaggio e affascinante della costa di Carloforte, bisogna percorrere un sentiero sterrato in moderata pendenza.

Spiaggia di Girin

Girin è una spiaggia di sabbia dorata, situata a breve distanza dal centro di Carloforte. Le sue acque limpide e poco profonde sono perfette per nuotare e giocare in mare. La spiaggia è ben attrezzata con servizi balneari e offre anche la possibilità di praticare sport acquatici come il windsurf e il kitesurf.

Spiaggia di Guidi

La spiaggia di Guidi è una delle gemme nascoste di Carloforte, caratterizzata da sabbia fine e un mare cristallino dai colori cangianti. Circondata da una rigogliosa vegetazione mediterranea, è il luogo ideale per chi cerca tranquillità e un contatto autentico con la natura. Guidi è particolarmente apprezzata per la sua bellezza paesaggistica e l’atmosfera rilassante.

cosa vedere a Carloforte
Spiaggia Girin a Carloforte

Fare un giro in barca : cosa vedere a Carloforte

Per ammirare i paesaggi da un’altra prospettiva, non puoi mancare di fare un giro in barca alla scoperta del litorale e delle scogliere dell’Isola di San Pietro.

Tra le più suggestive da scoprire ci sono le suggestive scogliere della Mezzaluna, ricche di grotte ed anfratti immersi in un’acqua dai colori davvero spettacolari.

Per un’esperienza ancora più autentica puoi affidarti a Marina Tour e salpare a bordo di una bilancella, l’antica imbarcazione ottocentesca utilizzata dai carlofortini per trasportare e commerciare i minerali provenienti dal Sulcis.

cosa vedere a Carloforte
Scogliere di Mezzaluna

Cosa vedere a Carloforte: gli appuntamenti da non perdere sull’isola

Visto il mix culturale che caratterizza l’isola e il suo radicamento delle tradizioni del passato, di seguito ti segnalo alcuni degli eventi più significativi da tenere d’occhio durante una visita a questa affascinante località del sud Sardegna:

  • Girotonno : un evento imperdibile per gli amanti del buon cibo e della cultura locale che si tiene tra fine maggio ed inizio giugno. Si tratta di una manifestazione che celebra il tonno rosso, uno dei prodotti più pregiati dell’isola. Durante il Girotonno, i ristoranti locali offrono specialità a base di tonno preparate in modo creativo e innovativo, mentre si svolgono competizioni tra chef provenienti da tutto il mondo, spettacoli, degustazioni e mercatini dedicati al mondo della pesca e della gastronomia.
  • Festa di San Pietro: è una celebrazione religiosa e popolare che si tiene il 29 giugno in onore del santo patrono dell’isola. Durante la festa, le strade di Carloforte si riempiono di colori, musica e tradizioni, con processioni sacre, sfilate in costume e spettacoli folkloristici.

Dove mangiare a Carloforte: i migliori ristoranti

Le specialità culinarie di Carloforte riflettono la ricca storia e la tradizione gastronomica di questa affascinante isola, situata nel cuore del Mediterraneo ed influenzata dalla cultura ligure e tunisina, tanto che puoi trovare anche la focaccia o il cous cous.

Tra le tante prelibatezze ti consiglio di provare: il tonno alla carlofortina, la capunadda, il cascà ( cuscus di semola condito con verdure fresche come zucchine, carote, cavolfiore e ceci, e arricchito con spezie come il cumino e il peperoncino), la fainè (una sorta di farinata di ceci simile a quella ligure) e tra i dolci tipici di Carloforte spiccano i “canestrelli“, biscotti friabili ricoperti di zucchero a velo.

Come puoi notare la cucina carlofortina offre un’esperienza unica, dove il mare e la terra si incontrano in piatti deliziosi e autentici che puoi assaporare nei tanti ristoranti presenti.

In particolare ecco alcuni locali che ti suggerisco:

  • Ristorante La Cantina : situato nel centro storico di Carloforte, il Ristorante La Cantina è rinomato per la sua cucina tradizionale. Un luogo ideale per gustare piatti autentici in un’atmosfera accogliente.
  • Ristorante Primo Maggio: Un’istituzione culinaria di Carloforte, il Ristorante Primo Maggio è parte di quello fu il primo hotel aperto sull’isola. Situato a circa dieci minuti di auto dal centro, questo albergo-ristorante offre viste spettacolari sul mare e una cucina tradizionale eccezionale, ancora preparata con maestria dalle donne di famiglia.
  • Ristorante da Nicolo: elegante e moderno, è situato sul suggestivo lungomare di Carloforte. Conosciuto per le sue ricette tradizionali reinterpretate in chiave contemporanea, questo ristorante è famoso per le “Linguine alla Nicolo”, un piatto imperdibile per chi visita l’isola.
  • Ristorante l’Oasi: un ambiente informale e una cucina autentica che celebra i sapori della tradizione locale. Perfetto per chi cerca un’esperienza culinaria genuina e rilassata.
Linguine alla Nicolo
cosa vedere a Carloforte
Il re della cucina carlofortina: il tonno

Dove dormire a Carloforte

Durante il mio soggiorno a Carloforte ho alloggiato presso l’Hotel Riviera, della catena sarda Lù Hotels. Situato direttamente sul lungomare, questo hotel gode di una strategica posizione, proprio perché a pochi passi dal piccolo porto e dall’attracco del traghetto.

Ad attenderti camere spaziose dal design moderno ed ambienti luminosi ed accoglienti che renderanno il tuo soggiorno davvero piacevole.

Da segnalare la sala dove viene servita un’ottima colazione continentale, situata all’ultimo piano dell’edificio, che regala una vista mozzafiato sul mare e sul porto.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Archivio