TRAVEL BLOG

PONTE ALLA LUNA IN BASILICATA: cosa fare a Sasso di Castalda

PONTE ALLA LUNA IN BASILICATA: cosa fare a Sasso di Castalda

Ponte_alla_Luna_in_veste_autunnale

Tutto quello che c’è da sapere su un’esperienza davvero adrenalinica da fare in Basilicata: camminare a mezz’aria sul Ponte alla Luna di Sasso di Castalda, uno dei ponti tibetani più lunghi al mondo.


Una delle cose da fare almeno una volta nella vita è provare ad attraversare un ponte tibetano, sfidando le altezze e la paura del vuoto.

In Italia ce ne sono alcuni che possono vantare le tipiche caratteristiche di un ponte tibetano, ma quello più lungo a campata unica si trova in Basilicata ed è il Ponte alla Luna di Sasso di Castalda.

Pur soffrendo un po’ di vertigini ho voluto provare quest’esperienza unica per sfidare me stessa e per non perdermi il bellissimo panorama sulla vallata, visibile solo a chi prende coraggio ed attraversa il ponte più alto.

Già perché a Sasso di Castalda in realtà i ponti sono due: l’attrazione prevede infatti il superamento di un ponte di prova più breve e più basso prima di avventurarsi nella traversata di quello principale.

Se cercate un’attività che possa mettere in circolo un po’ di adrenalina, rimanere sospesi a mezz’aria con il vuoto sotto i piedi sul Ponte alla Luna è sicuramente un’esperienza da provare.

 

ponte alla luna
Il ponte Petracca




PONTE ALLA LUNA IN BASILICATA: come arrivare e dove si trova

Il Ponte alla Luna si trova a Sasso di Castalda, un piccolo borgo dell’appenino lucano, in provincia di Potenza.

E’ chiamato così proprio per lo stretto legame che esiste tra questo borgo e la storia del primo sbarco sulla Luna: qui ha infatti origine la famiglia emigrata di Rocco Petrone, l’ingegnere che partecipò alla missione Apollo 11.

L’area è di notevole rilevanza geologica visto che si sviluppa attorno al Fosso di Arenazzo, sul cui canyon si snoda proprio il ponte.

Potete raggiungere Sasso di Castalda dalla Campania percorrendo la Salerno – Reggio Calabria;  l’uscita autostradale più vicina si trova  allo svincolo di Atena Lucana per poi proseguire direzione Taranto.

Anche se arrivate da Bari o da Matera (l’uscita autostradale più vicina si trova sul raccordo autostradale Potenza-Sicignano – svincolo di Tito) sappiate che il tragitto durerà di più di ore quindi vi consiglio di pernottare direttamente in zona per visitare anche i limitrofi di Sasso di Castalda.

>Cerchi un alloggio dove dormire a Sasso di Castalda?

CLICCA QUI

ponte alla luna
Scorcio dal borgo

IL PERCORSO DEL PONTE ALLA LUNA: altezza e lunghezza

Percorrendo i suggestivi vicoli di Sasso di Castalda e seguendo le indicazioni si arriva presto all’ingresso dell’area del ponte.

Dopo le operazioni di imbrago la prima passerella che vi ritroverete davanti è quella del Ponte Petracca, lungo circa 95 metri e sospeso ad un’altezza di 30 metri.

Questo primo percorso vi servirà a prendere confidenza con la sensazione di vuoto e con le oscillazioni, ma soprattutto con l’attrezzatura: sarete difatti agganciati per tutta la lunghezza del cavo d’acciaio del ponte con dei moschettoni che devono essere staccati e riagganciati più volte durante l’esperienza.

Niente paura, il kit di sicurezza è studiato per percorrere il vostro cammino in totale tranquillità e per garantire la vostra incolumità anche in caso di emergenza.

Nonostante per alcuni il guardare in basso a determinare altezze può risultare difficoltoso, la mia raccomandazione è quella di cercare di controllare il più possibile dove si poggiano i piedi e nel caso di aiutarvi tenendo saldamente il cavo con entrambe le mani e trascinando nel contempo le longe (il kit di sicurezza agganciato al cavo sulla vostra destra) con il braccio.

Una volta terminata questa prima parte vi ritroverete sul versante opposto del fosso e qui potrete decidere se tornare al borgo, nel caso abbiate capito che questo tipo di esperienza non fa per voi, oppure continuare la vostra prova di coraggio.

Nel caso abbiate deciso di continuare, come nel mio caso, seguite il sentiero in risalita (lieve pendenza) per 15 minuti circa e raggiungete il punto di partenza del ponte tibetano più lungo.

Ovviamente valgono gli stessi consigli del percorso precedente anche se i 120 mt di altezza e i 300 metri di lunghezza del Ponte alla Luna personalmente si sono fatti sentire. Tuttavia vi assicuro che la bellezza del paesaggio, la sensazione di libertà e l’adrenalina in circolo saranno un valido aiuto per superare la paura.

Camminare tra le nuvole con questo spettacolo tutt’intorno è un’occasione da non lasciarsi sfuggire.

Nell’ultimo tratto il percorso si fa leggermente in salita fino a raggiungere l’altro sponda dove, chi ancora non fosse pago di altezze e vertigini, si può cimentare anche camminando su un bello skywalk in vetro.

ponte alla luna
Il Ponte alla Luna

PONTE ALLA LUNA: prezzi e orari di apertura

Il prezzo del biglietto del Ponte alla Luna è di 20 euro a persona, compreso il noleggio dell’attrezzatura.

Orari di apertura

  • fine settimana e festivi dalle ore 09:30 alle ore 12:30 dalle ore 15:30 alle ore 18:30
  • ​​​Giorni feriali su prenotazione per gruppi minimo 5 persone.

Il biglietto si può acquistare direttamente alla biglietteria situata in piazza del Popolo a Sasso di Castalda.

Per maggiori info vi invito a consultare il sito ufficiale www.pontetibetanosassodicastalda.com




ABBIGLIAMENTO CONSIGLIATO: cosa indossare per attraversare il Ponte alla Luna in Basilicata

Per percorrere il Ponte alla Luna l’unica raccomandazione in termini di vestiario è quella di indossare un abbigliamento comodo, casual o sportivo, per sentirvi più liberi nei movimenti e non avere nessun intralcio tra voi e la passerella.

Le scarpe devono essere adatte al contesto, quindi calzature sportive, da trekking o da passeggiata in montagna andranno benissimo. Banditi tacchi, sandali e tutto ciò che potrebbe non aderire correttamente alla superficie delle pedate.

Inoltre, visto che da queste parti il vento spesso si fa sentire, se portate i capelli lunghi, vi suggerisco di indossare qualcosa per tenerli in ordine ( fascia, bandana, cerchietto…) ; in questo modo eviterete che ricadano fastidiosamente sul viso durante il percorso.

ponte alla luna

COSA FARE DOPO IL PONTE ALLA LUNA: Sasso di Castalda e dintorni

Il Ponte alla Luna dura all’incirca un’ora e mezza, quindi, terminata quest’esperienza avrete tutto il tempo per scoprire il borgo di Sasso di Castalda. Se poi avete deciso di soggiornare qui allora potrete anche avventurarvi nei suoi limitrofi ed esplorare con lentezza questa zona della Basilicata.

Ecco le principali cose da vedere nei dintorni del Ponte alla Luna:

>IL CENTRO STORICO DI SASSO DI CASTALDA

Questo piccolo borgo lucano arroccato su una rupe con le sue antiche case di pietra, riserva ben più di una sorpresa che scoprirete solo passeggiando tra i saliscendi delle sue stradine e le sue piazzette, assaporando un’atmosfera d’altri tempi.

Pittoresca la zona della Manca, uno dei quartieri più antichi di Sasso di Castalda dove è ben visibile la stretta connessione tra i suoi edifici e lo strato roccioso su cui poggiano. In questo quartiere che conduce alla Chiesetta della Madonna delle Grazie, una delle aree più suggestive del borgo, ai tempi viveva la popolazione più povera

Tra i cittadini illustri di Sasso di Castalda, oltre al già citato Rocco Petrone, troviamo Don Giuseppe de Luca e Mariele Ventre, la storica direttrice del Piccolo Coro dell’Antoniano.

>L’AREA FAUNISTICA DEL CERVO

Sulla collina che si erge a poca distanza dal borgo, sorge un‘oasi faunistica dove vivono splendidi esemplari di cervi in semilibertà.

Un posto bucolico, a ridosso del borgo, dove poter scorgere ed ammirare tra gli alberi questi splendidi animali del bosco.

>IL GEOSITO DI MADONNA DELLE GRAZIE

A Sasso di Castalda sorge uno dei geositi più importanti d’Italia: dal borgo è infatti possibile vedere gli effetti delle fasi tettoniche dato che il canyon testimonia lo scontro fra la zolla africana e quella euroasiatica che milioni di anni fa provocò l’innalzamento del fondale oceanico.

>TREKKING SUI SENTIERI

Gli amanti delle passeggiate tra la natura qui possono sicuramente sbizzarrirsi. Sasso di Castalda si trova infatti nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano della Val D’Agri e Lagonegrese e da qui partono numerosi sentieri per interessanti camminate escursionistiche.

Tra i più frequentati ci sono il Sentiero Frassati,  lungo 22 km e tra i più antichi e panoramici trekking della Basilicata; il sentiero di San Cosmo e Damiano  caratterizzato da un paesaggio in cui domina la tipica pietra marnosa;  quello che attraversa il Bosco di Faggi della Costara fino all’antico Faggio di San Michele e  il sentiero dedicato a Mariele Ventre. Quest’ultimo cammino collega Sasso di Castalda, dove è nata la mamma dell’artista, al Comune di Marsico Nuovo, luogo che ha dato i natali al padre.

Leggi anche:

>> Se vi è piaciuto questo articolo lasciate un commento o condividetelo sui vostri social preferiti!

Per rimanere sempre aggiornati venite a trovarmi su Instagram e su Facebook!

1 Comment

  1. Sembra bellissimo e super adrenalinico questo Ponte alla Luna in Basilicata! Mi piacciono molto i ponti tibetani! 😉

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Archivio